Poesia di Attilio Bertolucci – Sequenze Familiare

Torna alla biografia di Attilio Bertolucci

Non chiedere altro, la felicità è in questo
corso paziente, mentre gli anni fuggono
e i giorni così lenti scorrono,
il sole indugia su palpebre e muri,
tu, io, i cari figli l’accogliamo
diversa beatitudine, persone separate.

E quando il tempo
vinca l’incanto cui ridiamo trepidi
questo lungo mattino d’ozio avvolto
(le rondini tornate attendono a nidi
nell’ombra d’un portico, fresco approdo),
oh, che nel lume incerto dei crepuscoli
onde la stagione s’esalta consumandosi
di nuovo oggi fra noi, la bella primavera,
neri voli e stridi su ponente
annunzino una stessa notte di pioggia,
una stessa pace alla nostra riunione terrena.

I video spot più cliccati del Web:

  • Poetiscrittori


  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video