Poesia di Charles Baudelaire – A una passante

Torna alla biografia di Charles Baudelaire

La via assordante strepitava intorno a me.
Una donna alta, sottile, a lutto, in un dolore
immenso, passò sollevando e agitando
con mano fastosa il pizzo e l’orlo della gonna
agile e nobile con la sua gamba di statua.

Ed io, proteso come folle, bevevo
la dolcezza affascinante e il piacere che uccide
nel suo occhio, livido cielo dove cova l’uragano.

Un lampo, poi la notte! – Bellezza fuggitiva
dallo sguardo che m’ha fatto subito rinascere,
ti rivedrò solo nell’eternità?

Altrove, assai lontano di quì! Troppo tardi! Forse mai!
Perchè ignoro dove fuggi, nĂ© tu sai dove io vado,
tu che avrei amata, tu che lo sapevi!

I video spot più cliccati del Web:

  • Poetiscrittori


  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video